Prima pagina

I telegiornali sono pieni di cronaca nera. Ma tutti i reati sono in calo

(A.G.) L'Osservatorio di Pavia ha analizzato i sette principali notiziari nel mese prima delle elezioni europee. Nel Tg4 una notizia su tre riguardava la criminalità. Poca attenzione per l'ambiente e l'istruzione.

Da Falcone a Gerusalemme, Genah nuovo corrispondente Rai

(V.R.) In Israele prima della sospensione di Marrazzo. Coabitazione con Carlo Paris. L'ultima telefonata con il magistrato di Palermo prima della strage. Seicento dirette organizzate.

Il carabiniere ucciso, tutte le fonti avvelenate, tutte le trappole per i cronisti

di ANDREA GARIBALDI Molto tempo dopo il delitto tutto è avvolto nell'oscurità. Dalla colpa agli immigrati alle assenze del collega Varriale, alle dimenticanze, alle telecamere svanite. Le regole da ricordare.

Le opinioni

Algoritmo contro privacy, Google a tradimento rivela perché è morto Buttarelli

Tradito, proprio lui che aveva lavorato per anni alla difesa della privacy. Alla morte di Giovanni Buttarelli, avvenuta due giorni fa, è seguito un episodio che non può essere considerato solo un incidente: attraverso Google, il potente motore di ricerca, chiunque ha potuto conoscere quale malattia abbia ucciso il magistrato.

Scopriamo il mojo, mobile journalism, una strada per raccontare il presente

di FRANCESCO FACCHINI Corro il rischio di apparire eretico, di sembrare un matto che va internato perché non vive nella realtà, ma lo dico subito: non c'è mai stata un'epoca così piena di opportunità per fare giornalismo. Mai. La tecnologia ci ha creato attorno un ecosistema dei media che è in rapidissima evoluzione e che nasconde grandi possibilità per i giornalisti. Il problema di queste opportunità è rappresentato dalla capacità di saperle cogliere e di saper evolvere grazie a queste. Non sto parlando certo dei valori fondanti della professione, sempre uguali e più che mai attuali in Italia in un periodo in cui vengono minati da varie minacce, ma sto parlando di un'evoluzione nei modi, negli strumenti, nei mezzi e perfino nei committenti.

Notizie brevi

Microscopio

Giornalisti e social media, in Italia le regole non ci sono. Ecco le linee guida

di MARIO TEDESCHINI LALLI Forse basterebbe quest’aurea sintesi della BBC per indicare come un giornalista dovrebbe usare i media sociali: “Don’t do anything stupid. You are a BBC journalist, act like one”...