Primo piano

Dodici interviste sulla professione: il giornalismo è rimasto al ‘900, riforme subito

(A.G.) La serie di Professione Reporter su "Una legge per i giornalisti" con innovatori, studiosi, maestri. Tutti ritengono che l'Ordine è legato a un'antica stagione. Vanno accolte le nuove specializzazioni, cambiati accesso e formazione. Nessuno vuole l'abolizione (a parte uno).

Repubblica Torino, tre prepensionamenti, ma non vengono assunti i precari

Protesta dell'assemblea della redazione: ignorati colleghi che da più di dieci anni lavorano per le pagine locali. "Ci aspettiamo che azienda e direzione rivedano la decisone. In caso contrario si riservano iniziative di protesta". Il Cdr condivide e chiede il rispetto degli accordi.

Rai, Fuortes all’attacco del sindacato. Come al Teatro dell’Opera di Roma

di SOFIA GADICI Scontro sempre più duro fra amministratore delegato e Usigrai. Prima l'abolizione dell'edizione notturna dei Tg e del notiziario sportivo, poi il blocco del videocomunicato. La richiesta: "Risparmiare su appalti e contratti, valorizzare gli interni".

Draghi, i giornalisti estratti a sorte, le critiche dall’estero, le domande senza risposta

Ultima conferenza stampa con premessa: "Non parlerò di Quirinale". La rotazione per i quesiti, le chiamate della portavoce. Il corrispondente del Pais: "Elementi di sospensione della democrazia". Petri Reski: "Premier troppo osannato". Dalle repliche ai monologhi di Trump.

Repubblica, collaboratori in agitazione: chiedono aiuto ai prefetti per una trattativa

La protesta del Coordinamento precari sostenuta da Fnsi e Assostampa Liguria e Sicilia. Fra le motivazioni, la domanda di incontro alla quale l'Azienda non risponde da due anni, le assunzioni promesse e non realizzate, i tagli dei budget, i contratti non rinnovati a chi ricorre al Tribunale.

Giulietti (Fnsi): “Il Governo Draghi? Per l’informazione fa zero più zero”

di ALBERTO FERRIGOLO Intervista di Professione Reporter al presidente del sindacato, alla fine della serie "Una legge per i giornalisti". "Assalto del sovranismo". "Equo compenso: legge dal 2012, ma non viene applicata". Querele temerarie, riforma editoria, nuove figure.

FATECI SCRIVERE ANCORA

Professionereporter.eu racconta il giornalismo italiano e mondiale. Tendenze, personaggi, episodi nascosti. Vi interessa? Con piccole cifre, come 5, 10 o 20 euro al mese, o 50-100 euro l’anno (o ciò che volete), potete darci una mano per continuare. Entrerete nella nostra comunità, vi informeremo, ascolteremo le vostre richieste.

Scopri come >>

Che succede

Idee

Mattarella e lo spazio ai no-vax? Il segreto non è la censura, ma il giornalismo che scava e domanda

di ANDREA GARIBALDI Il Presidente della Repubblica ha parlato di "sproporzionato risalto mediatico" per le posizioni contrarie alla scienza. Ma i media non hanno funzione educativa, devono avvicinarsi alla verità. Inchieste e approfondimenti invece di teatrini e grida.

Prima l’allarme, poi: “fermare il panico”. Su Omicron, ultima variante Covid, giornali bocciati

di VITTORIO ROIDI Dietro front di molti organi di informazione, dalla diffusione della paura alla rassicurazione. L'esigenza, in casi come questi, di misurare le parole. E' necessario marcare la differenza fra testate autorevoli e social network irresponsabili.

Lettere

Microscopio

Persone con disabilità, né vittime né eroi. Guida di Intesa per parlare di loro

Tutte le espressioni da evitare, il punto focale sempre sull'essere umano: la malattia non definisce, è una delle caratteristiche. Comportamenti naturali e parole di uso comune. Non tutti condividono l'impostazione "people first".

Marzo 1974, lo Statuto Ottone: il Corriere opera comune della redazione

Un documento del responsabile di via Solferino dal 1972 al 1977. Articoli che non si modificano senza consenso. Servizi autonomi. Il direttore è la guida, ma esercita con i giornalisti. Ruolo decisivo del Cdr nella stesura.

La verità in cima ai pensieri, così il giornalismo resiste e diventa essenziale

di VITTORIO ROIDI Pagine dal nuovo libro sulle vie d'uscita da odio, fake news e disintermediazione. Una grande festa per soli miliardari. La professione sembra l'anello debole, in realtà è quello decisivo. La mancata alleanza con gli editori.

Primo piano

Volete che Professionereporter.eu continui a raccontarvi dove va il giornalismo? Donate 5-10-20 euro al mese o 50-100 euro l’anno. O quello che preferite. Entrerete nella nostra comunità.

Scopri come >>