01

Professione reporter” : con questo nome nascono una nuova associazione, un sito on line e una news letter, strumenti con i quali intendiamo difendere la professione giornalistica e rilanciarla, nell’esclusivo interesse dei cittadini.

Ciascuno è libero di diffondere informazioni, grazie a strumenti sempre più moderni, ma il legislatore ha affidato ai giornalisti, professionisti e pubblicisti. il compito di cercare e diffondere le notizie.

La democrazia ha bisogno di un’informazione in cui prevalga un’etica di servizio, che non si pieghi ad interessi, personali, aziendali, politici o comunque di parte.

Oggi, tutte le “piattaforme”, stampate, radiotelevisive o on line, attraversano difficoltà che derivano dai profondi cambiamenti culturali, tecnologici e sociali. La possibilità che ciascun cittadino possiede di informarsi e di informare in totale libertà  segna una punta alta dei moderni diritti individuali, ma il giornalismo professionale mantiene – nel mare infinito della comunicazione – il proprio compito: esaminare, accertare e diffondere la realtà dei fatti. E la coscienza del pubblico si formerà attraverso la ricerca della verità.

“Professione reporter” lavorerà in favore di un’informazione di qualità, anche nella convinzione che debba essere accentuata la trasparenza dei meccanismi, dei rapporti e delle regole che caratterizzano un settore così delicato della vita sociale. Per questo dibatterà e farà conoscere le modalità, le tecniche e le scelte di coloro che producono e diffondono le informazioni.

Racconteremo come si lavora oggi nelle redazioni, come si fanno le interviste, come si scelgono gli ospiti televisivi, che margini di manovra hanno i comitati di redazione, come si montano le campagne di stampa, cosa succede alla Rai, quali problemi affrontano gli enti di categoria (Ordine, Fnsi, Inpgi, Casagit), quali appaiono le nuove frontiere dell’informazione, dai giornalisti-robot, al fact checking, alle fake news, come funzionano l’ accesso e le scuole di giornalismo, che prospettive ha il contratto di lavoro scaduto da oltre due anni.

Nella fase iniziale il gruppo operativo (al quale potranno aderire i soci che lo vorranno) sarà guidato da Andrea Garibaldi. La rappresentanza dell’associazione è per ora affidata a Vittorio Roidi, che entro il 31 dicembre 2019 convocherà l’assemblea generale dei soci, per approvare lo statuto ed eleggere gli organi dirigenti.

Questo è l’elenco cronologico delle adesioni: Vittorio Roidi, Andrea Garibaldi, Giampiero Gramaglia, Alberto Giuliani, Fabio Martini, Michele Concina, Claudia Terracina, Alberto Ferrigolo, Monica Guerzoni, Raffaele Fiengo, Mauro Piccoli, Ivan Berni, Tiziana Alla, Stefano Sofi, Lucia Visca, Alessandra Mancuso