di GOFFREDO DE MARCHIS Cronista, direttore, commentatore, critico dei quotidiani. Se n'è andato un difensore strenuo della funzione della professione. Implacabile abbordatore di politici, sportivi, artisti, vip e gente comune e minuzioso lettore di articoli, scopritore di nuove firme.
Stati Uniti, sei giornali della catena McClatchy non riaprono gli uffici. “Mancano gli standard di sicurezza”. L’Herald si era già spostato da centro alla periferia e aveva venduto a un magnate malese del gioco d’azzardo.
Rispetto a tre anni fa risultati interessanti per Oggi, Dipiù, Chi. L'Espresso in recupero grazie all'abbinamento con Repubblica. Male Panorama, in difficoltà Tv Sorrisi e canzoni. Piccola rivincita della carta stampata.
Molinari consegna ai giornalisti 5 pagine su "Valori e missione di Gedi". "Distanza critica" dai fatti, novità rispetto al giornalismo schierato del fondatore Scalfari. Flessibilità e meritocrazia. "Scatti di anzianità da rivedere". Bilancio in rosso da risollevare con abbonamenti digitali.
di ANDREA GARIBALDI La news letter del nuovo quotidiano di De Benedetti già arriva. Pezzi su Romiti, su Conte e Sarri, sul bonus ai parlamentari. Un capitale di venti milioni. L'editore-direttore. Ambiente, salute, lavoro, disuguaglianze. Caccia a tre editorialisti.
di GIAMPIERO GRAMAGLIA Campagna elettorale negli Usa a colpi di intelligenza artificiale. Il candidato democratico in un filmato che riprendeva Harry Belafonte appisolato. Opera di Dan Scavino, vice capo dello staff della Casa Bianca di Trump.
Rcs vuole 50 esodi anticipati, un taglio del 15 per cento della redazione. “In cambio assunzioni di non giornalisti e investimenti irrisori”. Dopo La Stampa, nuovo no sulle concessioni del governo agli editori.
(V.R.) Lettera d’addio all’editore Cairo. “Il direttore non l’ho mai visto”. Dall’arrivo dell’emergenza Coronavirus la sua firma non è più apparsa sul giornale. Ha scritto libri sul fascismo, la democrazia, il terrorismo. Quattro anni da senatore.
Il responsabile di Huffington Post chiede alla deputata Pd di togliere una frase dal suo blog sulla Giornata contro la violenza sulle donne. Lei denuncia la censura. Il presidente dell'Ordine dei giornalisti "basito". Replica: "Decido io cosa si pubblica". Il cdr è con lui.
di ALBERTO FERRIGOLO Rappresentanze sindacali schiacciate fra aziende che vogliono tagliare e colleghi delusi. La "cura Verdelli", la holding di Travaglio e il referendum ripetuto del Corriere della Sera.