(S.G.) L'inquadratura del momento del malore condivisa migliaia di volte. Su Twitter molte accuse di "morbosità". Il giornalista sportivo Riccardo Cucchi: "Rifiuto questo tipo di giornalismo". Le foto della Gazzetta dello Sport e la spiegazione del direttore Barigelli.
(S.A.) Digital News Report 2024 di Reuters. Si accentua la crisi: troppe fonti gratuite. In Italia è sempre Ansa il mezzo ritenuto più affidabile, seguito da Sky Tg24, Sole 24 Ore e Tg La7. Fra i siti il più visto è Fanpage. Diffidenza per l'Intelligenza artificiale. Più video che podcast.
(S.G.) E' la prima donna direttrice della più importante agenzia di stampa del mondo. "Siano rimasti tra i pochi imparziali quando facciamo le indagini". Secondo lei i lettori vogliono opinioni che confermino le loro idee, ma è necessaria una linea editoriale precisa.
Il Direttore annuncia su Prima Comunicazione "la spallata digitale". Utilizzo dei dati su siti, app, motori di ricerca e social per cambiare scelte e gerarchie dei pezzi. "Un giornale responsive, dinamico". Nessuna spiegazione in redazione, spostamento di Affari & Finanza a Milano.
Il Sindacato Cronisti Romani e il Gruppo Cronisti Lombardi varano un video-decalogo sulle frasi da non usare mai nei casi di violenza sulle donne. La follia, il mostro, il fulmine a ciel sereno, il raptus, il troppo amore, le liti mancate. In linea con il Manifesto di Venezia del 2017.
Elezioni convocate per il 7 ottobre, poi rinviate di 15 giorni. I tre membri della rappresentanza sindacale uscente non hanno accettato di ricandidarsi. Meno potere e molti problemi nella stagione della crisi. Una grande tradizione negli anni '70 e '80.
Entrambi provengono dal quotidiano liberal diretto da Claudio Cerasa. Il primo è stato nominato dal ministro della Cultura, sulla seconda Sangiuliano ha espresso concordia. L'incidente con il suocero Vittorio Feltri che aveva pubblicato i verbali su una violenza.
Il direttore ha il nome sotto la testata, firma il pezzo di apertura su Spalletti, il fondo in prima pagina ed è citato come autore del più grande taglio di tasse. Attacco ai 5 Stelle Scarpinato e Di Maio, un saluto a Berlusconi e un appello al Pd "che non si rassegna alla svolta radicale".
Beauty e Fashion, due inserti sulla Moda, firmati dai direttori e da firme che non compaiono mai sui notiziari giornalieri. Articoli e advertising sugli stessi prodotti. Una spruzzata di cultura e natura, sempre finalizzata a valorizzare i marchi. Il disorientamento dei lettori.
Laureati, professori e membri dello staff della prestigiosa università Usa chiedono un intervento al governo e la cessazione degli aiuti militari al Paese asiatico. Le critiche al presidente Duterte per la “guerra alla droga” e la serie di processi.

Volete che Professionereporter.eu continui a raccontarvi dove va il giornalismo? Donate 5-10-20 euro al mese o 50-100 euro l’anno. O quello che preferite. Entrerete nella nostra comunità.

Scopri come >>