La Consob chiede 280 mila euro a Roberto Napoletano, ex direttore del Sole 24 ore, per aver contribuito ad aumentare i dati della diffusione di quel quotidiano fra il 2013 e il 2016, “creando -scrive l’authority di controllo della Borsa italiana- un quadro informativo falso della situazione economico finanziarla del Sole 24 ore”, influenzando in modo ingannevole le scelte degli acquirenti degli spazi pubblicitari e le decisioni degli investitori sulle azioni del Sole 24 ore, che risultavano sopravvalutate. La delibera è firmata dal presidente Consob Paolo Savona.

Alla guida del quotidiano del sud

Per Napoletano a febbraio la Procura di Milano ha richiesto il rinvio a giudizio per falso in bilancio e manipolazione del mercato. A giugno Il Sole 24 ore lo ha citato in un’azione di responsabilità con una richiesta di risarcimento danni di 7,5 milioni di euro.

Roberto Napoletano, prima del Sole (2011-2016), ha diretto Il Messaggero (2006-2011). Da aprile 2019 è diventato direttore del Quotidiano del sud, già Quotidiano della Calabria, che nel 2018 ha ricevuto 1 milione e 377mila euro di finanziamento pubblico.
Napoletano non è solo davanti alla Consob. Altri 280mila euro sono richiesti a Donatella Treu, ex amministratore delegato del Sole, 180mila all’ex responsabile marketing Anna Matteo, 160mila all’ex direttore finanziario Massimo Arioli e 150mila all’ex direct sales e customer manager Alberto Biella. Totale: 1 milione e cinquantamila euro, che dovrà versare Il Sole, se entro trenta giorni non pagheranno gli interessati.

Si dichiara estraneo ai fatti

Nell’azione di responsabilità Il Sole chiede invece 12,5 milioni alla signora Treu e 4,3 all’ex presidente della società, Benito Benedini. La richiesta di rinvio a giudizio della Procura di Milano riguarda anche Treu e Benedini, che sono orientati verso il patteggiamento. Napoletano, che si è sempre dichiarato “estraneo ai fatti”, invece dovrebbe seguire il giudizio ordinario.
Nell’agosto del 2017 Napoletano uscì dal Sole con una buonuscita di 700 mila euro. Nello scorso novembre ha chiesto 750 mila euro di danni ai giornalisti del quotidiano della Confindustria per un comunicato sindacale.
Nel dicembre 2014, l’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano conferì a Roberto Napoletano l’onorificenza di Commendatore della Repubblica.

Professione Reporter

(nella foto: Roberto Napoletano, Donatella Treu, Benito Benedini)