Dopo Sky, Giornale, Libero e Gazzetta dello Sport: già 156 costretti all'esodo. Stavolta senza alcun accordo sindacale, solo una lettera per 29 dipendenti: la nuova sede sarà Cologno Monzese.
Stati Uniti, sei giornali della catena McClatchy non riaprono gli uffici. “Mancano gli standard di sicurezza”. L’Herald si era già spostato da centro alla periferia e aveva venduto a un magnate malese del gioco d’azzardo.
Affidati al cdr dieci giorni di sciopero e la possibilità di sospendere tutte le attività che coinvolgono i giornalisti: notturni, eventi, firme, podcast, radio. Possibile un voto di fiducia su Fabio Tamburini.
(A.F.) Piccola crescita in edicola, ma crollano periodici, riviste e prodotti per bambini. Andrea Martella: ci vuole un aiuto di Stato. Repubblica e Stampa regalano 25.000 abbonamenti.
di ANDREA GARIBALDI Molto tempo dopo il delitto tutto è avvolto nell'oscurità. Dalla colpa agli immigrati alle assenze del collega Varriale, alle dimenticanze, alle telecamere svanite. Le regole da ricordare.
Il direttore interviene in assemblea: non vorrei mai tagli al personale senza paracadute sociale. Formazione continua sul digitale. All news e plus. A marzo in edicola vendute 54.702 copie, effetto Coronavirus.
di FABIO MORABITO Prima conferenza stampa nella storia dell'Istituto. Gli interventi per ridurre gli squilibri di bilancio? Riunioni a partire dal 31 luglio. "Non siamo qui per punire, ma neanche per concedere privilegi".
di MATTEO BARTOCCI La rivincita del giornale di carta. Le edicole come le mascherine. Il lavoro di tipografi, stampatore, distributori, giornalai e postini, aziende, tecnici e sviluppatori.
Il nome del vincitore anticipato da Sky di 40 minuti. Era una notizia sottoposta a embargo. “Non l’abbiamo fatto apposta”. Volano parole grosse fra colleghi. Il contributo alla vittoria di Diodato.
di ALBERTO FERRIGOLO Il rapporto di Ossigeno per l’informazione, coordinato da Alberto Spampinato. I casi del Roma e di LaPresse. Le intimidazioni sono “reati spia”, coprono violazioni più gravi.