(A.G.) Il direttore comunica in prima persona il “progetto digitale web first”. Due giorni di sciopero effettuati e tre da fare, firme ritirate. Solidarietà dal cdr di Repubblica. Candidato al posto di Verdelli.
di ALBERTO FERRIGOLO La fantasia degli editori per (non) remunerare gli autonomi. Il ricorso contro l’”equo compenso” e i consigli dei legali per evitare trappole. La Commissione della Fnsi non si riunisce.
Il Premio intitolato al grande inviato è andato quest’anno, fra gli altri, a Federica Iezzi (Il Manifesto), Valerio Cataldi (Rai 3) e Francesca Mannocchi. Il lavoro multimediale di Lorenzo Cremonesi (Corriere della Sera).
Il nome del vincitore anticipato da Sky di 40 minuti. Era una notizia sottoposta a embargo. “Non l’abbiamo fatto apposta”. Volano parole grosse fra colleghi. Il contributo alla vittoria di Diodato.
Rcs vuole 50 esodi anticipati, un taglio del 15 per cento della redazione. “In cambio assunzioni di non giornalisti e investimenti irrisori”. Dopo La Stampa, nuovo no sulle concessioni del governo agli editori.
di MICHELE CONCINA Il premier inglese fu per cinque anni corrispondente del Telegraph. Scriveva di misure delle bare, patatine proibite e retine per i capelli dei pescatori. Il Times lo aveva licenziato.
Chiesta la costituzione di parte civile e l’apertura di un procedimento deontologico. L’ex direttore del Sole 24 ore a giudizio per false comunicazioni sociali e aggiotaggio informativo. L’accusa per le copie gonfiate.
La proprietà chiede 37 esodi di giornalisti su 180, circa il 20 per cento. Cassa integrazione e tagli agli stipendi. Il confronto con Repubblica. Manca un piano di sviluppo. I casi Annunziata e Verdelli.
Dal 1° aprile occorre dichiarare per quali testate si intende lavorare e si devono ottenere venti crediti per corsi di deontologia. Dopo due anni arriverà la decisione sull’iscrizione all’Albo.
Il mensile dell’Osservatore Romano si occupa delle condizioni delle religiose. Sindrome da burnout, stress da lavoro, causato da fatica, demansionamento e abusi. Ne parlano il New York Times e media di tutta Europa.