Spostata di un mese, al 15 maggio 2022, la data di presentazione dei lavori per il Premio Mimmo Càndito. Motivo: permettere di partecipare ai giornalisti impegnati nella guerra in Ucraina. L’ Associazione “Mimmo Càndito per un Giornalismo a testa alta”, comunica di ritenere “necessario e naturale che il lavoro accumulato e diffuso in guerra diventi materia viva e palpitante per la seconda edizione del nostro Premio”.

Il bando pubblicato sul sito Mimmocandito.org prevedeva il termine ultimo per l’invio dei lavori dei candidati il giorno 15 aprile 2022: “Ma tale data si scontra con l’incertezza sul presente e sul futuro degli eventi in corso, e renderebbe ora difficoltosa o impossibile la riflessione e la scelta del proprio materiale, a chi fra questi inviati volesse partecipare a questa nostra iniziativa, essendo essi impegnati in ben meno speculative imprese. Riteniamo che in un premio come questo dedicato a un reporter di guerra, noto per il suo rigore, tali colleghi non possano mancare. Abbiamo dunque deciso di procrastinare di un mese la data per la ricezione dei servizi e degli articoli o altro materiale previsto dal regolamento. Augurandoci prima di tutto che nel frattempo tacciano le armi”.

 

LASCIA UN COMMENTO