“Forse avremmo dovuto avvertire i lettori e spiegare perché”. Parole del direttore de la Repubblica Maurizio Molinari nel corso della riunione di redazione del 3 gennaio 2022. Motivazione: le proteste di molti lettori per l’aumento da 2,50 a tre euro del quotidiano nei giorni di sabato e domenica. Sabato il quotidiano si presenta con l’abbinamento obbligatorio al femminile D e al culturale Robinson, domenica con l’abbinamento obbligatorio a L’Espresso.

8 Commenti

  1. Basta non comprarlo, d’altra parte per quello che è diventata Repubblica da quando gli Elkann hanno nominato Distruttore Molinari a non leggerla non ci si perde niente.

  2. Si fosse trattato della Repubblica di Verdelli, non ci avrei trovato nulla da ridire, non c’erano giornali in giro che reggevano il confronto. Con quella di Molinari ci si può incartare il pesce, ma costerebbe troppo per un simile uso.

  3. Elkann ha trattato Repubblica come fosse un auto e non un prodotto culturale. In questo modo ha perso quasi tutti i giornalisti storici che avevano dato un’anima e un’identità al giornale creato da Eugenio Scalfari. Come primo passo ha spedito Giannini alla Stampa e portato Molinari alla Repubblica: una chiara evidenza della decisione di cambiare l’identità del giornale.
    L’unica possibilità è non comprarlo più

  4. Ho cominciato a comprare Repubblica il 14 gennaio 1976, e non ho più smesso. Ovvio che in questi anni siamo cambiate entrambe, ma a me sembra che io sia invecchiata meglio. Non mi piace più, la compriamo un po’ per inerzia, un po’ perchè speri che migliori…. Comunque, quando se ne andranno Serra ed Aspesi, cambieremo quotidiano. Peccato, ci avevamo creduto. (mi ricordo quando non usciva al lunedì, però compravamo L’Espresso….adesso anche L’Espresso….no comment. Tout passe ecc.

  5. Per non parlare del silenzio sull’aumento delle aliquote iperf, in cui i piu poveri vedono le tasse e le bollette salire senza che l’attuale governo, governo che favorisce i piu ricchi, le banche. Le piccole imprese chiudono dopo l’aumento della bolletta della luce.. Dove sono i veri giornalisti?

Rispondi a Marino Cancella la risposta