Primo sciopero della nuova gestione dell’Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai. E’ stato proclamato per il 29 dicembre, sarà audio e video. «Nessun progetto, nessun piano, solo tagli»: questa la motivazione dell’organizzazione, guidata da Daniele Macheda. Ha avuto esito negativo l’incontro di conciliazione con l’azienda.

«Una edizione della Tgr e una di RaiSport – spiegano, in una nota, i rappresentanti dei giornalisti del servizio pubblico – cancellate senza alcun confronto. Del taglio, già deciso, dell’edizione notturna della Tgr l’Usigrai ha saputo solo dalle dichiarazioni dell’amministratore delegato alla commissione di Vigilanza. Di quello di RaiSport, anche qui a cose fatte, abbiamo appreso da un inciso in una comunicazione. Senza un piano e giustificati male, questi tagli appaiono solo come un ridimensionamento della presenza della Rai sul territorio e una penalizzazione alla qualità e alla completezza dell’informazione».

Quindi l’annuncio: «Sciopereremo per tutelare il nostro lavoro, ma anche il diritto di cittadine e cittadini di tutte le regioni e delle minoranze linguistiche ad essere informati dalla Rai servizio pubblico in modo costante e secondo i criteri fissati nel Contratto di Servizio. La Rai – conclude l’esecutivo Usigrai – non ha bisogno di essere depotenziata con tagli avulsi da un progetto, ma piuttosto ha bisogno di essere riformata, rilanciata, anche per arrivare più forte al prossimo imminente rinnovo del Contratto di Servizio».

@fnsisocial

1 commento

  1. Sarebbe interessante capire dove “Il migliore” (sic) è andato a pescare questi due incompetenti che rispondono ai nomi di Fuortes e Soldi. Se proprio si vuole risparmiare, sarebbe bene cominciare tagliando personaggi come questi due.

Rispondi a Giancarlo Tedeschi Cancella la risposta